Vini online italiani: un’ampia scelta di qualità

14 Mag

L’Italia è il primo produttore mondiale di vino. La sua unicità sta nel fatto che ciascuna delle 20 regioni può vantare più di una specialità di zona, nelle quali si riversano la sapienza e l’esperienza di vinificazione lunga 3000 anni. La storia del vino in Italia è una storia di passione, che non riguarda solo il Piemonte e la Toscana le due tradizionali regine della produzione di vini. E oggi, con le nuove tecnologie, nascono sempre più siti che propongono in Italia i vini online provenienti da tutte le zone. Ora scopriamo quali sono le regioni al top e che tipologia di vini propongono.

Sicuramente il Piemonte può vantare i vini che annualmente vengono considerati i migliori, come è il caso del Barolo e del Barbaresco, da sempre in testa alle classifiche di gradimento del pubblico e degli esperti. Regione vitivinicola per eccellenza, con gran dispiegamento di vitigni storici soprattutto nelle Langhe, il Piemonte è la patria di elezione per vini come il Barbera, il Moscato e il Dolcetto. I grandi rossi Barolo e Barbaresco sono unanimemente considerato gli ambasciatori del vino rosso italiano nel mondo.

La recente scomparsa di Giacomo Tacchis ha dato l’occasione di ricordare che questa regione sa proporre grandi vini rossi, creati appositamente dalle migliori uve dei colli del Chianti e del Sangiovese. La Toscana è la terra dei vini per eccellenza e l’immagine delle colline adibite a vigneto, con le cascine che si stagliano sulla sommità di esse viene subito alla mente. Vini rossi come il Chianti e il Sangiovese vengono offerti in diversa qualità e prezzo, con cantine storiche e rinomate che provengono da centri come Montepulciano. I cosiddetti vini Super Tuscan sono una combinazione di Cabernet Sauvignon, Sangiovese e Merlot e si devono principalmente all’opera di Tacchis.

Una delle regioni più sorprendenti in termini di produzione vitivinicola è certamente il Trentino Alto-Adige, che fornisce delle vigne particolarmente spettacolari che usufruiscono di una errano millenario in termini di produzione vitivinicola, nell’affascinante panorama delle Dolomiti. Sono i vini bianchi a rappresentare l’eccellenza del territorio, con diversi vini a denominazione di origine controllata, come il Pinot Grigio. Come anticipato praticamente ogni regione dispone di una sua specialità. Si trovano uve Sangiovese, Trebbiano, Cannonau in diverse zone ognuna con una sua specificità. Il Veneto è naturalmente leader con il Prosecco e il Soave. I vini italiani hanno diverse classificazioni per quel che riguarda i vini da tavola, andando dall’indicazione geografica tipica fino al DOCG. Bisogna spazzare via un equivoco: la classificazione non sottintende la qualità intrinseca del vino, tanto che tra i più apprezzati a livello internazionale ci sono dei semplici IGT anziché dei DOCG. Questa differenziazione riguarda solo esclusivamente la produzione delle uve e la localizzazione dell’area da cui esse vengono raccolte.

Il commercio del vino è molto florido e spesso si basa su due assi: la vendita in cantina sfuso, soprattutto nei piccoli centri dove esistono etichette locali e produttori “in casa”; l’altro asse è la grande distribuzione dove è possibile trovare bottiglie di qualità e selezioni locali molto interessanti. Un canale innovativo è quello del commercio online, con la diffusione dell’e-commerce esso sta rappresentando una valida alternativa.